2012-12-17 02:30:00

Sala Docens Marco Scatasta, Piazza Roma, 6 (Ascoli Piceno)
L'aratro e la barca di mario polia

LARATRO E LA BARCA
(Tradizioni picene nella memoria dei superstiti)
di MARIO POLIA (Lìbrati Editrice)

Introdurrà: Andrea Maria Antonini (Ass. alla Cultura e alle Identità e Tradizioni Locali - Provincia di Ascoli Piceno)

Saluti:
Piero Celani (Presidente della Provincia di Ascoli Piceno)
Guido Castelli (Sindaco del Comune di Ascoli Piceno)
Angelo Canala (Sindaco del Comune di Spinetoli)

Sarà presente lautore del libro MARIO POLIA

«Dopo lindagine sul campo avvenuta nel 2004 nei dintorni di Asc


oli che ha portato alla pubblicazione del volume Tra SantEmidio e la Sibilla. Forme del sacro e del magico nella religiosità popolare ascolana, Mario Polia, direttore del Centro Studi Tradizioni Picene, con questo nuovo lavoro estende la ricerca ai supertistiti delle memorie popolari di tutto il territorio provinciale, dai contadini della Vallata del Tronto ai pescatori della Marina.»

INDICE DEL LIBRO I
I mesi dellanno: liturgia popolare ascolana

Introduzione

Presentazione

Introduzione al Libro I

Gennaio
1. Un Capodanno operoso
1.1 Pronostici dinizio danno
Raccoje la patta
Lègge la cipolla
Le foglie dulivo
Il primo incontro dellanno
1.2 A tavola
1.3 Origini storiche delle usanze rurali di Capodanno
1.4 Il corteo dei dodici mesi
2. LEpifania
2.1 Pasquelle dellEpifania
1. Buona sera, padrona di casa, da Mozzano
2. Pasquella da Mozzano
3. Mirerai, mirerai in quel prato, da Mozzano
4. Bona sera, gente amica, da Mozzano
5. Pasquella di Natale, da Ascoli
6. Buona sera gente amica, da Ascoli
2.2 Pronostici amorosi con le foglie dolivo
2.3 Calà la Vecchia
3. Festa del Battesimo di Gesù
4. Festa di S.Antonio Abate: 17 gennaio
4.1 La festa di S.Antonio, i riti di mezzinverno e le Feriae Sementiuae
4.2 Benedictio panis
4.3 Benedictio salis
4.4 Benedictio animalium
4.5 I fuochi di SantAntonio
4.6 Lu Vecchiò: canti a questua in onore di SantAntonio
1. Lu Vecchiò, da Ascoli
2. SantAntonie è nu gran sante, da Ascoli
3. SantAntonio vestito dabate
4. Bona sera, boni amici, da Ascoli
4.7 SantAntonie de miezzjennar
5. Il Carnevale
5.1 Cucina e trasgressioni alimentari
5.2 Le maschere
5.3 Il bove finto di Offida
5.4 La ruzzche
5.5 La morte di Carnevale
5.6 Lomaggio ai padroni
5.7 Alcune comparazioni

Febbraio
1. Purificazione di Maria, o Candelora, due febbraio
1.1 La benedizione della puerpera
1.2 Il tabù del ballo
1.3 Previsioni del tempo
2. San Biagio, tre febbraio
3. Inizio della Quaresima
4. Le cerimonie lustrali de lu scacciafebbrà
3.1 Alle origini del trasferimento magico: le Leggi delle XII Tavole
3.2 Perché febbraio ha solo 28 giorni

Marzo-Aprile
1. San Giuseppe, 19 marzo
2. La Quaresima
Premessa liturgica
2.1 La purificazione delle stoviglie
2.2 La dieta quaresimale
2.3 La Domenica delle Palme
2.4 La Mezza Quaresima, o segà la vecchia
2.5 Usanze della Settimana Santa
I sepolcri
Le lampade dei sepolcri
La sardellata
La fustigazione del pavimento, o battistero
La penitenza delle verginélle
Giochi quaresimali
Fare Sabato Santo
2.6 I canti della Passione
1. Orologio della Passione: da Montemonaco
1.a Antico Orologio della Passione
2. La Santa Passiò, da Ascoli
3. Pianto della Madonna, da Venagrande
3.a Pianto della Madonna da Venagrande (frammento)
4. Chillo giorno de giavedì sante, da San Benedetto del Tr.
5. Antico canto a questua da Petritoli
6. Antica Passione, da Rigo di Montegallo
7. Piede beato, canzone quaresimale da Ripatransone
8. Canto de lanime sante, da Ripatransone
3. Festa dellAnnunciazione di Maria, 25 marzo: i lupini degli innamorati
4. La Pasqua
4.1 Le pulizie pasquali
4.2 I cibi pasquali
4.3 Lu capzzale e la pizza sbattuta
4.4 Lu canestre a la socera
4.5 Scioglimento delle campane e pratiche propiziatorie
4.6 I giochi
4.7 Lu rolle, la paga trimestrale ai marinai
5. Il Lunedì dellAngelo e la settimana successiva alla Pasqua
5.1 Consultazione delle foglie dolivo nel Lunedì dellAngelo
5.2 Usi marinari: pellegrinaggio alla Chiesa di San Basso e alla Chiesa di S. Francesco di Paola
6. Ottavario di Pasqua, o Domenica In Albis
7. San Giorgio, 23 aprile
8. San Marco: 25 aprile
8.1 Le Rogazioni

Maggio
1. Lu ciavarrò del Calendimaggio a Ripatransone
2. Festa della Inventio Crucis e usanza delle croci nei campi, 3 maggio
La Croce Santa del Santuario Diocesano di Offida
3. Usi popolari in occasione della festa dellAscensione
3.1 Il divieto del lavoro
3.2 Le luminarie notturne
3.3 Il formaggio dellAscensione
3.4 Lacqua dellAscensione
3.5 La mantica con le uova
3.6 La mantica con le fave
3.7 Il pellegrinaggio ascolano al Monte dellAscensione
3.8 Offrire trasporto alla lumaca
3.9 Pronostici sul Monte dellAscensione
3.10 Demà è la Scenziò
3.11 Il bagno in mare
3.12 La corsa dei bacherozzoli
3.13 I sette legni dellAscensione
3.14 La terra dellAscensione
3.15 La benedizione del mare
4. Santa Rita da Cascia, 22 maggio
5. Festa di Santa Maria Ausiliatrice, 24 maggio
6. De maggio la gente se moria de fame, canti a questua
7. A magge se sposa li semare, il tabù del matrimonio nel mese di maggio
8. Gli altarini (laddarette)

Giugno
1. Il Corpus Domini
2. SantAntonio di Padova, 13 giugno
3. La notte di San Giovanni, 24 giugno
3.1 Lacqua di San Giovanni
3.2 Lebbio di San Giovanni
3.3 La guazza di San Giovanni
3.4 Il nocino
3.5 Le pere di San Giovanni
3.6 La testa di San Giovanni
3.7 I compari di San Giovanni
3.8 Mantica amorosa nella notte di San Giovanni
Mantica con lacqua e luovo
Il presagio delle pianelle
Mantica mediante le fave
Mantica mediante piombo fuso
Pronostici mediante le foglie del fico
3.9 La sagra giubilare di S. Martino a Grottammare
4. Festa dei SS. Pietro e Paolo, 28-29 giugno: La nfiorata

Luglio-Agosto
1. Festa di San Basso martire, primo di luglio
2. La mietitura
2.1 I canti della mietitura
2.2 I pasti dei mietitori
3. Festa di S. Anna, 26 luglio
4. Ultima domenica di luglio, festa della Madonna della Marina
5. I pronostici climatici del primo di agosto
6. SantEmidio, 5 agosto
7. San Lorenzo, 10 agosto
8. La trebbiatura, la tresca
8.1 Li maccarù d lu macchenà
8.2 La testa del gallo
8.3 Laccuorde
9. Festa dellAssunzione di Maria, Ferragosto
10.Cove e canestrelle, offerte di grano in ringraziamento
del raccolto

Settembre-Ottobre
1. La vellegna: la vendemmia
2. Prima domenica dottobre, festa della Madonna della Vittoria (o del Rosario)
3. Festa di S. Serafino da Montegranaro, 12 ottobre
4. Festa e antica fiera di San Benedetto, 13 ottobre

Novembre
1. Ognissanti e Commemorazione dei defunti
1.1 Usanze per la commemorazione dei defunti
Le fave dei morti
Il corteo funebre per le vergini
1.2 Canti a questua per i defunti, La Diasilla, o Diesilla
1. Diasilla da Montegallo
2. Diasilla da Venagrande
3. Diasilla da Campolungo
4. Diasilla da Vallegrascia (Montemonaco)
5. Diesilla da Spinetoli
6. Antica Diasilla
1.3 Ognissanti tra i marinai, la barca di Caronte
2. La festa di San Martino: 11 novembre
3. La raccolta delle olive

Dicembre
1. Festa di Santa Barbara, 4 dicembre
2. Festa dellImmacolata Concezione, 8 dicembre
Arra, arra paisà!
3. La notte della Traslazione della Santa Casa di Loreto, o Venuta
4. Santa Lucia, 13 dicembre
5. Fiera di San Tommaso, 21 dicembre
6. Il Natale e le usanze natalizie
6.1 Vecchi componimenti natalizi
1. Padrenostro di Natale
2. Sopra un po di paglia
3. Il facchino Fortunato
6.2 La cucina della Vigilia
Le zuppe di legumi
Le altre ricette
6.3 Il ceppo di Natale e limpiego rituale dei residui
6.4 La visita notturna della Sacra Famiglia
6.5 Il ceppo di quercia
6.6 La cenere natalizia e il bucato
6.7 Li bbestie chiacchiarié: gli animali parlavano
6.8 Pronostici del tempo
6.9 Il tabù del lavoro
6.10 I regali alla suocera
6.11 La semina rituale di grano e fave
6.12 I canti del Natale
1. Serenata di Natale
2. Bona sera e capo danno, da Petritoli
3. Pasquella da Petritoli
4. Che na fredda capannella, da Ascoli
6.13 Quando le barche restavano a terra, ricordi di un marinaio
7. La notte di San Silvestro: 31 dicembre
7.1 Li Santi Nnocentini e il tabù del lavoro




INDICE DEL LIBRO II
Il sacro quotidiano

Capitolo I - Ritualità quotidiana
A. Il controllo dei fenomeni atmosferici
1. Riti per allontanare la grandine e il temporale
1.1Il potere delle cose benedette
Il suono delle campane
Lolivo benedetto
Le candeline della Candelora
La croce del Monte dellAscensione
I sette legni della vigilia dellAscensione
Il carbone dei fuochi sacri
La polvere da sparo della notte della Venuta
1.2 Le formule di scongiuro
Jesce sole sande
Madonna de la Cerqua
Invocazioni a Santa Barbara
1.3 Il potere apotropaico del ferro e del sale
La catena del focolare
Le falci in croce
Lo spargimento del sale
1.4 Il potere degli innocenti
1.5 La virtù dei nati col manto
1.6 Altri metodi per allontanare la grandine
2. Riti marinari per allontanare la tromba daria: lu scijò
3. Quando si vedono le stelle cadenti
B. Riti augurali
1. Elementi rituali per favorire la produzione delle uova
2. Riti per linaugurazione della casa nuova
3. Cerimonia del varo di un peschereccio: la corona
4. Un antico rito per la produzione delle patate
5. Rito per la propiziazione della pesca
C. Riti funebri
Lo sciuccatò
Lagonia
La benedizione del defunto
Il tabù della spazzatura
Il divieto di chiudere porta e finestre
La velatura degli specchi
Il fuoco del focolare
La posizione del feretro
I panni del defunto
Gli effetti personali
Il corteo funebre per i bambini
La Diasilla
D. Antichi riti terapeutici
1. Passà la noce
2. Lolio della lampada di San Silvestro
3. Scongiuro per il sonno dei bambini
4. Scongiuro per far smettere il singhiozzo
5. Scongiuro contro i vermi dei bambini, da Carassai
6. La forcella
7. Le cisti

Capitolo II - Riti divinatori: la mantica popolare
1. Mantica di fine e dinizio danno
2. Il Credo doppio
3. Mantica con le candele
4. Mantica amorosa
4.1 Indovinella
4.2 Mantica amorosa con i chicchi di grano e del granturco
4.3 Mantica amorosa con le fave
4.4 Mantica amorosa mediante il piombo fuso
4.5 Loomanzia della notte di San Giovanni e dellAscensione
4.6 Il presagio delle pianelle
4.7 Il cuculo oracolare
4.8. Lerba de lamore
4.9. Le foglie di fico
4.10 Novene per sognare il futuro marito 68
Novena a S. Elena
Novena a Santa Marta
4.11 Confetti e bouquet oracolari
4.12 Pronostici amorosi sul Monte dellAscensione
5. Mantica del fuoco, o piromanzia
6. La forcella: previsioni del sesso del nascituro mediante lo sterno del pollo

Capitolo III - Credenze
1. Tabù riguardanti il pane
2. Il tabù della spazzatura serale
3. Tabù riguardanti il fuoco
4. Il divieto di gettar via le cose benedette
5. Il tabù delluccisione delle farfalle
6. Lorologio di San Pasquale
7. Lafa
8. La luna e le attività umane

Capitolo IV - Fascinazione: le forme e i rimedi
1. Il malocchio e linvidia
1.1 Etimo di invidia e di fascino
1.2 Linvidia e il concetto di bene limitato
2. Linvidia nellAscolano
2.1 Il malocchio e linvidia sul latte materno
2.2 Malocchio sui neonati
2.3 Il malocchio sul bestiame
2.4 Il malocchio e la preparazione del sapone
2.5 Il malocchio e la lievitatura del pane
2.6 Caccia, malocchi e invidia
2.7 Il malocchio sulle persone
2.8 Malocchio sugli oggetti
2.9 Formule di scongiuro contro il malocchio e linvidia
2.10 I litigi tra donne, la ramazza e lanasyrma
3. Pratiche di lecanomanzia
3.1 Lecanomanzia con lolio
3.2 Lecanomanzia con lolio della luma
3.3 Lecanomanzia col grano
3.4 Diagnosi del malocchio tra i pescatori
4. Rimedi e amuleti contro il potere della fascinazione
4.1 Lacqua della notte di Natale
4.2 Lacqua della notte di San Giovanni
4.3 Pettinare la sposa novella
4.4 La pettnella
4.5 I panni indossati al rovescio
4.6 Il potere apotropaico del corallo
4.7 Lerba della Madonna
4.8 Lerba dellinvidia
4.9 Il pelo del tasso
4.10 La terra contro invidia e malocchio
4.11 Lolio della luma contro linvidia
4.12 Il sacrificio dei polli
4.13 Le corna taurine
4.14 La sabbia di mare
4.15 Il sale
4.16: Il breve o brevetto
5. La fattura

Capitolo V - Esseri appartenenti al mondo magico
A. Gli spiriti 135
1. Mazzamoriji / mazzamuriji / mazzamerelle
2. La pandàfega, la pantasma
3. La paura
4. Le anime guardiane dei tesori
5. Le fate sibilline
6. LArbì
7. Le lucétte de sandAnzermo
B. I protagonisti del mondo magico
1. I mannari
2. Le sdreghe
2.1 Come si diventa sdreghe
La nascita nella notte di Natale
La recitazione della formula battesimale
2.2 I punti deboli della casa e loro difesa
2.3 Come si riconoscono le streghe
2.4 Le metamorfosi delle streghe
2.5 Lolio della trasformazione
2.6 Le streghe e i neonati
2.7 La Stendeghina, arcistrega ascolana
2.8 Precauzioni magiche contro le streghe
Il sole e le streghe
I semi
Il sale
La sabbia
La ruta
La felce
Il ramo dabete
Il tizzo del falò della Venuta
Lacqua benedetta
La stola del prete
La quarantana
Il forcone
La padella di ferro
Scongiuri sul fuoco contro le incursioni notturne delle streghe
Oggi è sabato a casa mia
Bollì li panni
Il sacrificio dei tre cagnolini
La croce con le forchette
Incrociare le gambe
Lasse del mulino e la pietra da mola
La scopa e la cazzuola
Lo spago coi nodi
Cavare il sangue alla strega
I panni al rovescio
Il tabù della notte riguardante i panni
Altre precauzioni antistregoniche
Il tabù del lievito e altri tabù

Capitolo VI - Elementi di antropologia femminile: La maternità nelle Marche (a cura di Fabiola Chávez Hualpa)
I. Frammenti di usi matrimoniali
1. Il trasporto della dote
2. Appiccà loro
3. La scampanata
4. La sassarola
5. La fratta
6. La prova della verginità
II. La madre
1. La gravidanza
1.1 Le voglie insoddisfatte: li vulesce
1.2 Per conoscere il sesso del nascituro
I segni nel corpo
La forcella della gallina
Porgere la mano
La conta delle erre
1.3 I tabù della gestazione
2. Il parto
2.1 Linflusso della luna
2.2 Il travaglio di parto
2.3 Il primo parto
2.4 Il parto gemellare
2.5 Il trattamento della placenta
3. Dopo il parto
3.1 La quarantena
3.2 Il latte
III. Il bambino
1. I nati con la camicia
2. Il cordone ombelicale
3. Il settimo nato
4. Il primo bagno
5. Il battesimo
6. Precauzioni e credenze riguardanti il bambino

Capitolo VII - La devozione religiosa
A. La devozione
1. Antiche preghiere del mattino
2. Antiche preghiere della sera
2.1 Preghiere serali con struttura di lorica
2.2 Altre formule di preghiere serali
3. Materiale comparativo
3.1 Antiche preghiere serali delle Marche
3.2 Antica lorica serale abruzzese
3.3 Altre regioni dItalia
3.4 Europa
4. Preghiere varie
4.1 Preghiere per i defunti
4.2 Il Verbo
4.3 Preghiere recitate a chiusura del rosario
4.4 Antiche perifrasi popolari del Padrenostro
4.5 Preghiera recitata prima di entrare in chiesa
4.6 Preghiere recitate prima della confessione
4.7 Preghiere da recitare prima e dopo della comunione
4.8 Formula recitata prima di uscire di casa al mattino
4.9 Cambanella doro
4.10 Preghiera contro la tempesta
4.11 Le cento croci
4.12 Canteremo li picculi e granni
4.13 Formula per lo spegnimento serale del fuoco domestico
4.14 Formule per scacciare le malattie
4.15 Preghiera per ottenere la fecondazione delle uova
4.16 Esorcismo popolare
5. Devozioni ai santi
5.1 Devozione mariana
1. Preghiera alla Madonna di S. Maria in Pantano
2. Le sette allegrezze de la Madonna
3. Il miracolo della Madonna di San Ciriaco
5.2 Devozione a San Giuseppe
1. Filastrocca: San Giuseppe vecchiarello
5.3 Devozione a SantAnna protettrice delle partorienti
1. La storia de SantAnna
2. La Canzona de SantAnna
5.4 Devozione a SantAntonio da Padova
1. Dispensorio da Astorara di Montegallo
2. Dispensorio da Venagrande
3. Dispensorio da Montemonaco
4. Altro Dispensorio da Montemonaco
5.5 Devozione a Santa Barbara
1. La vita di Santa Barbara da Petritoli
2. La vita di Santa Barbara da Castel Trosino
5.6 Devozione a Santa Lucia
1. Leggenda di Santa Lucia
5.7 Devozione a Santa Margherita
1. La leggenda di Santa Margherita
5.8 Devozione a San Martino
1. Leggenda di San Martino e il diavolo
2. Il pane e lacqua di San Martino
5.9 Devozione a San Giorgio e SantAlessio
6. I simboli religiosi dipinti sulle vele della marineria picena

Note

Documenti

Lessico di termini dialettali del piceno

Calendario Agricolo e delle Attività Marinare

Trascrizioni musicali

Bibliografia

Lista degli Informatori